Blog

IMG_6365ibfb

Gestione invernale del vigneto, fase 1: fertilità del suolo

Le ultime annate sono state indubbiamente molto particolari e difficili da gestire

Per la maggior parte dei viticoltori italiani, dopo un 2017 caldo e secco e un 2018 molto piovoso, vediamo in questo articolo perché la gestione del terreno è importante.

Innanzi tutto, precisiamo che non tutti i vigneti hanno sofferto gli stress climatici allo stesso modo, ma, come prevedibile, gli appezzamenti gestiti con cura dal punto di vista agronomico hanno dimostrato che piante in equilibrio e in salute resistono molto meglio.

Ma quali possono essere allora i fattori che hanno determinato tutto questo?

Ecco di seguito una lista delle operazioni che spesso vengono fatte con leggerezza e invece necessiterebbero di un po’di attenzione in più:

Potatura
• Lavorazioni del terreno
• Fertilizzazione
• Trattamenti invernali

Ne abbiamo gia parlato in altri articoli, non smetteremo mai di ripeterlo: le analisi del terreno sono fondamentali per ottenere produzioni ottimali. È infatti necessario conoscere i parametri del proprio vigneto sin dalla scelta dei portinnesti, il costo di un’analisi completa è decisamente inferiore al danno che si ottiene non tenendo conto dei parametri del terreno.

Fatevi consigliare da tecnici esperti o da laboratori specifici su come effettuare il campionamento e su quali parametri analizzare, se voleste che approfondissimo anche questo argomento fatecelo sapere nei commenti e prepareremo qualcosa di specifico.

Se il nostro vigneto ha mostrato debolezze importanti negli ultimi anni, vale la pena ripetere un campionamento e valutare interventi sia invernali che primaverili con concimazioni mirate.
I fertilizzanti non sono tutti uguali, c’è da tenere conto del periodo di utilizzo consigliato e tempi di rilascio dei nutrienti nel terreno (per esempio nutrienti disponibili rapidamente a novembre saranno difficilmente sfruttati dalle piante).
Ma bisogna sempre ricordarsi che uno scompenso nutrizionale può rendere le piante più suscettibili ai patogeni o agli stress climatici.

la concimazione dovrebbe essere eseguita su base scientifica, con le opportune conoscenze della dotazione di quel dato terreno, si dovranno distribuire gli elementi necessari al raggiungimento dell’obiettivo produttivo; un vigneto che produce 70 q.li di uve per ettaro, avrà meno necessità di elementi di uno che ne produce 200; la sostanza organica, che è fondamentale per mantenere attiva la vita microbiologica nel terreno, contribuisce a rendere disponibili una parte di elementi presenti naturalmente nel terreno. L’agronomo, dopo aver interpretato le analisi e tutti gli altri aspetti agronomici (fra i quali anche l’osservazione delle piante e delle carenze visibili), redigerà un piano di concimazione specifico.

Se vi occorrono informazioni sulle analisi del terreno e sui piani di concimazioni specifici vi consigliamo di chiedere ai nostri tecnici cliccando qui

► Richiedi informazioni

Diffidate da concimazioni “miracolose”, non esiste il fertilizzante perfetto, esistono fertilizzanti più o meno adatti alla dotazione dei vostri appezzamenti e solo un tecnico preparato può farvi ottenere il miglior risultato possibile senza spreco di risorse!

Nel prossimo articolo parleremo di potatura e delle lavorazioni al terreno, continuate a seguirci!

 

Iscriviti alla nostra newsletter, è gratis! Riceverai bollettini fitosanitari e agrometeo aggiornati, ricevi l’informazione che ha salvato molte produzioni negli anni passati!

Newsletter

4 Responses

  • jury presenti
    dic 1, 2018

    Nella Delicata fase di progettazione di un vigneto con la preparazione del terreno dalla aratura o scasso concimatura e scelta dei portainnesto quali sono le accortezze da seguire per partire con un nuovo impianto al meglio? Grazie

    jury presenti dic 1, 2018
    Rispondi
    • dic 1, 2018

      Ogni fase che lei ha anticipato nel suo commento è di vitale importanza, si deve prestare la massima attenzione perché una volta piantumato poi ci si portano dietro gli errori per decine di anni.
      Noi consigliamo le analisi del terreno, oltre che per decidere le prime concimazioni, anche per la scelta del portinnesto, una leggerezza su questo è la sua produzione sarà compromessa per tutta la durata del vigneto.
      Scriveremo un appunto tecnico su questo argomento nelle prossime settimane, continui a seguirci.
      Jacopo

      Eno Advance dic 1, 2018
  • Vittorio Ritzu
    dic 22, 2018

    Ho un piccolo vigneto che produce circa 5 q.li di uve. Avete qualche consiglio da darmi per la potatura (anche estiva) e la concimazione ?
    Il terreno non é mai stato analizzato. Grazie

    Vittorio Ritzu dic 22, 2018
    Rispondi
    • gen 28, 2019

      Salve, continui a seguirci, scriveremo delle guide e dei consigli anche per la potatura e per le concimazioni. Sicuramente per ottimizzare la resa dell’impianto potrebbe fare un’analisi del terreno.

      Eno Advance gen 28, 2019

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *